Frédéric Malle sbarca da NEOS 1911

24 Lug 2018

 

 

È con grande piacere che oggi vogliamo ufficializzare una novità, attesa da tempo: l’approdo de Le Editions de Parfums Frédéric Malle presso la profumatissima realtà di NEOS 1911. L’Editore di Profumi sbarca, infatti, a Caserta, con le sue composizioni inusuali, ricercate e lussuose. Frédéric Malle, il fondatore del celebre marchio di profumeria artistica che, a partire da giugno 2000, ammalia gli appassionati del settore con le sue opere, letteralmente fuori dagli schemi.

Come nasce l’idea di un concept così elegante, originale, esclusivo? Nipote di Serge Heftler-Louiche, fondatore della Maison de Parfums Christian DiorFrédéric vive la sua infanzia nel periodo in cui la profumeria mondiale vede “i nasi” come il cuore pulsante della creazione e del processo produttivo, potendo esprimere la propria creatività, realmente, senza limiti. Ed è proprio confrontando i ricordi di bambino con la condizione attuale della profumeria (sempre più livellata verso il basso), che decide di tornare al passato, puntando sulla eccellenza, seppure in chiave moderna.

I nasi profumieri più famosi al mondo vengono, dunque, incaricati di creare quei profumi che sognano da sempre, ma che il mercato non gli consente di realizzare. Frédéric assume il ruolo di “editore” de Le Editions de Parfums pubblicando, una a una, le opere degli autori (i nasi), a cui viene concessa la possibilità di creare in piena libertà, facendo ricorso a tecniche e materie prime altrimenti precluse per limiti di budget. Nasce, così, una vera e propria “collana editoriale”, una collezione di profumi pregiati e lussuosi, capace di soddisfare anche le richieste più esigenti del mercato.

 

Fatta questa doverosa premessa, NEOS 1911 ha, pertanto, il piacere di presentarvi tre delle composizioni più ammalianti e seducenti della collezione, pensate, in origine, per un pubblico femminile, ma indossate con estrema soddisfazione anche da uomini che amano il fascino non convenzionale della ricercatezza.

 

 

Carnal Flower

La Tuberosa di Frédéric Malle, fatta sbocciare con garbo e eleganza dal naso francese Dominique Ropion.
Molto simile a come si mostra in natura, il profumo inebriante della tuberosa in fiore – che satura le narici, ammalia e stordisce – viene racchiuso in flacone dopo 690 prove e 18 mesi di assiduo lavoro.

Il fascino di Carnal Flower è incentrato sul paradosso intrinseco della tuberosa: l’impressione iniziale di candore e innocenza lascia presto il posto a una sfaccettatura più carnale e sensuale. Nella composizione, le note canforate si alternano a quelle morbide e vellutate del muschio bianco, miscelandosi alla perfezione. La sensualità della pelle umana, magistralmente accostata all’innocenza del fiore che sboccia.

 

Portrait of a Lady

Il profumo maestoso della Rosa, reso barocco, opulento, sontuoso.
Dopo una ricerca interminabile, che ha richiesto centinaia di test per bilanciare perfettamente la formula, nasce Portrait of a Lady che – si dice –  racchiuda al suo interno la dose più generosa di assoluta di rosa turca esistente nel panorama della profumeria artistica.

Anche in questo caso, è il naso Dominique Ropion a far sbocciare una superba rosa orientale, adagiata su un fondo complesso di benzoino, cannella, sandalo, muschio, patchouli e incenso. Profumo intenso, persistente, evocativo, che attrae l’attenzione (e l’olfatto) come una calamita.

 

Musc Ravageur

Nato quasi contemporaneamente al marchio, nell’anno 2000, Musc Ravageur è il punto di svolta nella storia dei profumi ambrati orientali, a livello mondiale: il suo stile si affranca, infatti, dalle mode effimere del momento, essendo venuto alla luce in controtendenza rispetto al suo tempo, precursore delle nuove tendenze rivolte ad Oriente, che hanno assaporato il successo negli anni seguenti.

Una interpretazione intensa e decisa e, al tempo stesso, perfettamente controllata. Il naso francese Maurice Roucel ha dato vita a una sinfonia complessa e misteriosa, che veste la pelle di fascino e seduzione. L’incipit esplosivo di bergamotto, mandarino e cannella viene addomesticato da un fondo di vaniglia, muschio e ambra, svelando una scia sensuale, volutamente e dichiaratamente “ravageur“.

 

My Experience:

Tre magistrali interpretazioni olfattive, che seducono per la loro personalità “stra-ordinaria” (nel senso letterale del termine). La mia preferenza va sicuramente a Carnal Flower e Portrait of a Lady per il fascino floreale/ipnotico che, seppure in modi diversi, le accomuna nel profondo.

Un ringraziamento speciale alla sensibilità olfattiva del maestro Dominique Ropion, dunque!

Marina Donato

+ ritorna a tutti gli articoli.